Cari amici,
è Pasqua, la “festa di tutte le feste”, e, come ogni anno, la Chiesa ci invita a celebrare solennemente il mistero della risurrezione di Gesù, quel mistero grazie al quale è stato aperto anche per noi l’ingresso nella vita eterna.
Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che, in virtù del nostro battesimo, la vita eterna è già stata seminata in noi.
L’apostolo Paolo, scrivendo ai cristiani di Colosse, lo afferma chiaramente: “Sepolti con lui nel battesimo, con lui siamo anche risorti mediante la fede nella potenza di Dio” (Col 2,12).
E allora celebrare la Pasqua, non può ridursi a credere alla risurrezione di Gesù e alla nostra futura risurrezione, ma significa anche impegnarci fin d’ora a vivere da risorti.

E che cosa significa per noi vivere già adesso da risorti?
In che cosa consiste la testimonianza di fede che siamo chiamati ad offrire al mondo?

Cari amici,
noi riflettiamo la luce della Pasqua quando coltiviamo una coscienza retta e onesta, che cerca il bene per sé e per gli altri.
È Pasqua quando riscopriamo la preziosità della sofferenza e del dolore come un’occasione propizia per concentrarci su ciò che è autentico ed essenziale.
È Pasqua quando umanizziamo il nostro habitat, improntando la nostra vita a parole e gesti di mitezza, al rispetto reciproco e al dialogo costruttivo.
È Pasqua quando sappiamo chiedere perdono per i nostri errori, e quando sappiamo riconciliarci con chi ci ha ferito.
È Pasqua quando, contrastando ogni forma di egoismo, ci impegniamo a costruire ponti di fraternità, di solidarietà e di condivisione.
È Pasqua quando il nostro cuore sa aprirsi alla compassione per i poveri, i deboli, gli emarginati, gli emigranti.
È Pasqua quando non deturpiamo la “casa comune”, la Terra, che Dio ha affidato alle nostre mani, ma la salvaguardiamo con sapienza e amore, per noi e per quanti verranno dopo di noi.

In una parola, è Pasqua quando il bene ha la meglio sul male, quando l’amore e il perdono vincono l’odio e la divisione, quando la pace smorza i sussulti della guerra, quando la Luce del Cristo risorto disperde le tenebre dai nostri cuori e li spalanca alla speranza di un mondo più giusto e più bello.
Questa è la Pasqua, e questo è il mio augurio per voi che mi ascoltate e per quanti vi sono cari.
Il Signore Risorto vi benedica. La sua gioia sia la vostra forza!
BUONA PASQUA

 

Esposizioni - Franco Marrocco fino al 30 agosto e Franca Pisani fino al 27 ottobre 2019
Museo Abbazia di Montecassino

Totem Marrocco jpg

#AdottaunSampietrino : Campagna di Crowdfunding dell'Abbazia di Montecassino

campagna abbazia crowdfunding