Gambe che tremano e parole che fanno fatica a venir fuori, amore sconfinato per ciascuno dei componenti della “sua” banda: questo era il Maestro Marcello Bruni la sera del concerto nel Chiostro Bramantesco a Montecassino, domenica 15 luglio.