D.Alessandro Promessa Solenne

 "Colui che dev'essere ammesso alla vita monastica, nell'oratorio, alla presenza di tutti i fratelli, davanti a Dio e ai Santi, faccia promessa solenne di stabilità, di conversione dei propri costumi e di obbedienza. Se nel futuro agirà in altra maniera, sappia che sarà condannato da colui che egli ha deriso. Metta per iscritto questa sua promessa fatta nel nome dei Santi, di cui nell'oratorio si conservano le reliquie, e nel nome dell'abate presente. La scriva di suo pugno o almeno, se è analfabeta, se la faccia scrivere da altri, e vi apponga come firma un segno. Poi la deponga di sua mano sull'altare". (RB 58, 17-20)

Domenica 29 aprile nella Basilica Cattedrale di Montecassino, durante la S. Messa delle 10:30, alla presenza anche dell'abate presidente della Congregazione Sublacense Cassinese, Abate Guillermo Arboleda Tamayo O.S.B.,  d. Alessandro Trespioli ha pronunciato i voti per la sua professione solenne a distanza di tre anni dalla promessa temporanea.

D. Alessandro è nato a