Più competenti e competitivi con la nuova offerta formativa per i Licei dell'Istituto San Benedetto di Cassino.

L'Istituto San Benedetto di Cassino ha aperto le porte della sua biblioteca sabato 17 gennaio, alle ore 12.00 per ospitare una conferenza stampa davvero interessante ed importante. L'argomento erano le novità dell'Istituto nella proposta formativa per l'anno scolastico 2015/2016.

E si tratta di novità davvero accattivanti per gli studenti che si accingono a dover fare una scelta per il loro futuro: Il Liceo classico, già rinnovato negli anni scorsi, affiancherà alle materie classiche l'insegnamento dell'informatica e di due lingue straniere obbligatorie, come anche per il Liceo scientifico che avrà tutte le caratteristiche di quello tradizionale con un valore aggiunto : l'indirizzo giuridico-economico.

Dal confronto di tutti i relatori è emerso come l'Istituto San Benedetto abbia avuto davvero una ottima intuizione nel voler differenziare e rendere attuale e al passo coi tempi l'offerta per i giovani che si accingono a scegliere il nuovo corso di studi: in un panorama lavorativo sempre più europeo e concorrenziale, occorre che il latino e il greco siano affiancati da materie che forniscano una possibilità in più allo studente di oggi che domani dovrà scegliere una facoltà universitaria rispondente alle proprie esigenze ma anche a quelle del mercato.

Per chi non era presente riportiamo più in dettaglio cosa è stato detto da ciascuno nell'incontro di sabato scorso.


L'Abate Donato Ogliari, Ordinario dell'Abbazia di Montecassino, ha ricordato a tutti che "il motto della cultura benedettina Ora et Labora et Lege, indica l'apertura della comunità monastica alla cultura in generale, alla formazione e a tutto ciò che si insegna in merito alla salvaguardia della cultura che, grazie ai monasteri, è stata compiuta nei secoli passati.

Nel XXI secolo, San Benedetto e la cultura monastica parlano ancora, e il nostro Istituto è espressione di questa verità anche perché rimane fondamentale per noi che la formazione sia a tutto tondo e non riguardi semplicemente la nostra mente ma anche il nostro cuore e il nostro animo. La specificità di una scuola come la nostra consiste proprio nell'educare l'uomo e la donna nella loro integrità, nella loro integralità. Una formazione dunque finalizzata non soltanto ad una professione, ma alla vita stessa, e il progetto che oggi viene illustrato credo vada proprio in questa direzione".

Poi è stato il turno di Dom Luigi Di Bussolo, Presidente della Fondazione San Benedetto da anni vicino alla realtà dell'Istituto: "L'obiettivo della nostra scuola è di educare alla vita attraverso le varie discipline, le testimonianze di vita, per divenire qualcosa insieme, di crescere come persone. Nello slogan dell'Istituto "più grandi insieme" l'accento sta su insieme. Non vogliamo soltanto dare norme, quindi, ma puntare sull'importanza della persona, se non c'è la persona al centro, tutto il resto viene meno. Questa nuova proposta è stata pensata proprio in direzione dell'apertura. Uno dei miti da sfatare è che i monaci benedettini restino chiusi nelle mura del loro monastero, i monaci benedettini vivono e pregano nel monastero per essere poi aperti. Questo è anche il messaggio che vorrei lanciare in questa sede: l'apertura della scuola San Benedetto ad un contesto che non è soltanto del territorio, regionale o europeo ma è mondiale perché entra infatti a far parte di un circuito rappresentato dalle varie scuole legate alle abbazie presenti in tutto il mondo. Con orgoglio possiamo dire che la nostra resta l'unica scuola in Italia legata ad una Abbazia benedettina; è una sfida che abbiamo voluto raccogliere e continuiamo a raccogliere a perseguire con maggiore coraggio e forza.

La Prof.ssa Maria Concetta Tamburrini, Dirigente Scolastico dell'Istituto San Benedetto, ha presentato tutta l'offerta formativa presente e quella futura, soffermandosi sulle innovazioni del Liceo Classico e sull'introduzione del Liceo Scientifico ad indirizzo Economico-Giuridico:

"Tra le novità che interessano il Liceo Classico c'è la presenza di sei ore di lingua veicolare in inglese, cioè oltre alle ore canoniche di lingua inglese, alcune materie saranno erogate in lingua inglese per favorire un apprendimento dinamico della lingua straniera ma anche arrivare così tranquillamente al quinto anno in cui una materia sarà erogata solo in lingua inglese.

Accanto all'inglese e al francese comparirà lo spagnolo e poi ci sarà anche un'ora di lingua comparata latino e greco; a partire dal terzo anno sarà inserita la Logica, uno studio sistematico per arrivare in modo più tranquillo ad affrontare i temuti test di ingresso delle facoltà universitarie.

Per quanto riguarda il Liceo Scientifico, poi, in base alla scelta delle Facoltà universitarie effettuate dai nostri studenti diplomati negli anni passati nel nostro liceo classico, abbiamo avuto modo di mettere a punto un corso di studi che coprirà le discipline umanistiche, tecniche e linguistiche in maniera tale da preparare in modo più completo gli studenti che affronteranno così con più cognizione di causa, e con basi più ampie, la scelta di una facoltà anche non italiana". Consultando il sito dell'Istituto www.istitutosanbenedetto.net troverete tutto nei dettagli.

Il Prof. Gianrico Ranaldi, della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale ha sottolineato come, in base agli elementi a sua disposizione, data la sua esperienza quotidiana come docente universitario, questa idea darà una nuova opportunità di scelta ai giovani del territorio. "Si tratta infatti di una opportunità che è frutto di una azione positiva, di un comportamento attivo verso gli altri e questo ha una valenza ancora più interessante ed importante in quanto rivolta al futuro, alle future classi dirigenti di questa società. In questi giorni in cui il progetto Erasmus è stato allargato dall'Europa al Mondo, vediamo come questa proposta dell'Istituto San Benedetto sia quanto mai attuale, all'avanguardia e centrata sulla creazione del futuro. Una recente indagine del 2012 racconta che l'analfabetismo economico-finanziario dei nostri studenti tocca livelli preoccupanti. Questo Istituto è dunque in contro-tendenza ed esprime la capacità di andare verso la globalità e l'apertura. Aprire poi alle lingue straniere significa aprire al mondo e alla diversità, al multiculturalismo che è una opportunità per la quale bisogna prepararsi: voi andate nella giusta direzione, complimenti!".

La testimonianza della Dott.ssa Maria Felicita Ferraro, ex studentessa dell'Istituto San Benedetto ha portato alla luce come la solida preparazione che ha avuto nell'Istituto l'ha resa in grado di competere in ambito universitario non soltanto italiano ma anche mondiale. Non ha avuto nessun problema a relazionarsi con il panorama studentesco di altre realtà liceali perchè il metodo acquisito all'Istituto San Benedetto ha sempre retto il confronto, nonostante appunto il fatto che "sia un Liceo di provincia".

A conclusione della mattinata è stato chiaro a tutti i presenti che chi si diplomerà tra cinque anni in questo Istituto sarà più competitivo sul mercato lavorativo grazie alle scelte coraggiose fatte dalla Dirigente Scolastica e dalla Fondazione San Benedetto che hanno deciso di investire ed innovare oggi con grandi sacrifici, per poter raccogliere sempre più frutti domani.

Non perdete l'Open Day di Sabato 25 Gennaio, sarà un'ottima occasione per conoscere da vicino e per poter poi raccontare agli altri una realtà che ha molto da dire e da offrire al territorio e ai suoi giovani.

 

Liceo Scientifico Istituto San Benedetto Montecassino

 

Offerta formativa istituto san benedetto montecassino

 

 

 

 

Istituto San Benedetto Formazione Montecassino

 

Istituto San Benedetto Montecassino Abate