"L'insegnamento di solidarietà e condivisione di San Benedetto accompagni le nostre vite": l'augurio dell'Abate Donato a conclusione dei festeggiamenti in onore di San Benedetto.

Sabato 21 marzo, dopo la mattinata trascorsa in Abbazia dove Sua Eminenza Reverendissima Cardinale Coccopalmerio aveva presieduto la Santa Messa concelebrata dall'Abate Donato, dal Vescovo di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo, monsignor Gerardo Antonazzo e dal Vescovo di Albano, Monsignor Marcello Semeraro, la festa si è spostata in città.

A Cassino alle ore 17,00 è partita in processione la reliquia di San Benedetto dalla Chiesa di Santa Scolastica per raggiungere la Chiesa Madre dove poi sono stati celebrati i vespri dall'Abate di Montecassino Donato Ogliari. Presente anche monsignor Antonazzo assieme al quale poi il padre Abate ha percorso alcune strade della città in processione con la reliquia del Santo Patrono d'Europa. A precedere il Padre Abate e monsignor Antonazzo con alcuni sacerdoti e monaci di Montecassino, c'erano oltre 400 figuranti del Corteo Storico Terra Sancti Benedicti che, sfilando in silenzio nel rispetto della circostanza, hanno incantato con il loro portamento e i loro costumi i cassinati e tutti i visitatori arrivati in città per l'occasione. Don Giuseppe Roberti priore di Montecassino, assieme agli oblati ha animato la processione aiutando i partecipanti a seguire con preghiere e pensieri dedicati a San Benedetto.

Al rientro dalla processione l'Abate Donato, prima della benedizione impartita dal balcone del Palazzo Badiale, ha rivolto un ringraziamento a Mons. Antonazzo per la partecipazione anche alla Celebrazione Eucaristica della mattina in Abbazia e a tutti coloro che si sono adoperati per la buona riuscita della manifestazione. L'Abate Donato, prendendo spunto dal nome di San Benedetto, ha poi concluso la serata condividendo questa riflessione : "Abbiamo portato in processione il radio, che è una parte dell'avambraccio di San Benedetto, questo grande Santo in cui tutto è già racchiuso nel suo nome : Benedetto, benedetto da Dio, ma perché era in grado di benedire Dio.

La benedizione non è soltanto discendente, non è solo Dio che benedice noi, ma Dio che chiede di benedire anche Lui. Pensiamo ad esempio a molti Salmi che esprimono questo desiderio di pregare il Signore dicendo ad esempio "benedite, stelle del cielo il Signore, benedite sole luna il Signore, benedite uomini tutti della terra il Signore".

Il Signore quindi desidera che anche noi diciamo bene di Lui, ossia che anche noi riconosciamo l'importanza che Egli ha nella nostra vita: quando abbiamo Dio dalla nostra parte non abbiamo nulla da temere, anche le prove più dure, anche i sacrifici che talora la vita ci impone acquistano una dimensione diversa perché non siamo soli, c'è il Signore con noi.

E il Signore non può abbandonare i suoi, anche quando l'apparenza sembra dimostrarci il contrario, Egli è sempre lì e ci benedice in questo modo, vuole dirci che Egli è il nostro compagno di viaggio, ci vuole bene, ci mostra la Sua tenerezza, ci mostra la Sua vicinanza e questa vicinanza non può che richiedere anche da parte nostra il benedire Lui, cioè il ringraziarlo per tutto quello che fa per noi.

Ebbene, ritorneremo alle nostre vite consuete, ma portiamo nel cuore questo messaggio che Benedetto, Patrono Principale d'Europa ha consegnato a tutti, un messaggio di serenità, di Pace, un messaggio di comunione, di solidarietà e di condivisione con tutti, un messaggio, in una parola di quello stesso Amore che Gesù ci ha insegnato. Allora la nostra vita sarà senz'altro più bella e aiuteremo anche a fare ancor più bella la vita degli altri, di questo nostro mondo che anela alla bellezza, all'amore reciproco, alla condivisione e alla pace. Possa essere davvero così: Benedictus benedicat. Buonasera a tutti."

Dopo la benedizione, i fuochi d'artificio hanno colorato la piazza ed i volti di tutti i presenti che, con il naso all'insù, tornando bambini per un attimo, si sono lasciati incantare dal lungo spettacolo pirotecnico.

 

 

Per le fotografie si ringrazia Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Benedetto-Montecassino-Fuochi-dartificio-CassinoProcessione-ReliquiaInizio-Processione-Curiareliquia-Antonazzo-OgliariBalcone-Abate-DonatoAbate-Donato-BenedizioneStatua-San-benedetto-Cassino