"I Papaveri Rossi di Montecassino", un CD con cinque inediti racconta in musica il bombardamento di Montecassino.

La storia, la guerra, i ricordi, la musica, le emozioni e il messaggio da lasciare alle giovani generazioni : questi gli elementi che si sono alternati nel pomeriggio del sedici novembre nella sala S.Benedetto della Banca Popolare del Cassinate;

un pomeriggio dedicato alla presentazione del Cd "I Papaveri rossi di Montecassino", inciso dai Maestri Alessandro Minci e Loreto Gismondi, e del Dvd con un video realizzato dal dott. Pasquale Tamburrini con i fratelli Gianni Luca e Giancarlo Marandola in occasione del 70° anniversario del bombardamento di Montecassino e Cassino.

Alla presenza del Consigliere Capoufficio della Sezione Consolare dell'Ambasciata della Repubblica Polacca di Roma, sig.ra Ewa Mamaj, dell'Abate di Montecassino, Dom Donato Ogliari, del Sindaco di Cassino, Carlo Maria D'Alessandro, del Presidente della Banca Popolare del Cassinate, Donato Formisano e dell'on. Marino Fardelli per la Regione Lazio, i maestri Alessandro Minci alla chitarra e Loreto Gismondi al violino hanno eseguito alcuni brani dall'opera discografica, contenente 5 tracce inedite, che da questa settimana è presente su tutte le piattaforme online per poter essere scaricata e in molti punti vendita in Europa.

La proiezione del video tratto dal DVD "Per la nostra e la vostra libertà", con la testimonianza di un veterano, ha commosso i presenti, in particolare la rappresentante polacca all'evento, la sig.ra Mamaj che ha ringraziato molto per l'affetto e l'attenzione mostrata nei confronti del popolo e dei soldati polacchi il cui sacrificio, come ha ribadito anche lo stesso sindaco di Cassino, ha contribuito a far ottenere la libertà agli italiani.

L'Abate Donato, a sua volta, ha sottolineato quanto i cassinati e i cassinesi sentano forte il legame con il popolo polacco che tanto ha pagato in termini di vite umane in un luogo come Montecassino, sacro a tutto il mondo e in particolar modo proprio ai polacchi che ogni giorno si recano al cimitero accanto all'Abbazia per portare il loro omaggio alle giovani vittime.