Gli studenti dell'Istituto San Benedetto processano il Liceo Classico : è ancora una scelta attuale?

Mancano quattro giorni al termine del periodo utile alla scelta della Scuola Superiore e alcuni studenti sono ancora indecisi. Per molti la scelta è tra un istituto tecnico o il liceo, per altri invece la scelta riguarda solo il Liceo: Liceo Classico o Liceo Scientifico?

Per aiutare un po' gli studenti in questo momento importante del loro percorso formativo, ma anche per mostrare come si possa apprendere ancora meglio attraverso attività extra curriculari, l'Istituto San Benedetto di Cassino ha messo in scena il "Processo al Liceo Classico".

 

 

Sulla scia del processo realizzato a Torino, che vedeva Umberto Eco e Andrea Ichino schierati uno contro l'altro nella difesa e nell'accusa al Liceo Classico, gli studenti dell'Istituto San Benedetto, durante la "notte dei licei classici" dello scorso 16 gennaio, hanno messo in scena un processo con tanto di giudice (non solo giudice nella rappresentazione ma anche nella vita reale) accompagnato da due giudici a latere con Pubblico Ministero e Avvocato di Parte Civile.

L'accusa al Liceo Classico era chiara e pesante: "In Italia il 70% degli adulti è incapace di analizzare informazioni matematiche, contro il 52% medio degli altri Paesi europei. Se ne deduce che noi Italiani non conosciamo abbastanza le materie scientifiche, forse ci siamo dedicati per troppo tempo alle materie classiche? Il Liceo Classico sta morendo e non c'è modo di rianimarlo. Forse è solo una scuola da riformare completamente o addirittura da eliminare?"

Sul banco dei testimoni si sono alternati personaggi del presente e del passato: figure illustri come Rita Levi Montalcini e Margherita Hack a sostenere le materie scientifiche e Saffo, Jane Austen e Virginia Woolf per difendere gli studi umanistici. Anche gli insegnanti di Lettere e di Matematica nonché il presidente della Fondazione San Benedetto Don Luigi Di Bussolo, con la sua esperienza di studente di Liceo Scientifico che sceglie una facoltà umanistica per laurearsi.

Al termine del dibattimento è stato chiaro per tutti che non è possibile pensare di abbandonare la cultura classica, che forma gli studenti e dà gli strumenti utili per poter capire ed interpretare la realtà. È necessario, però, che accanto a questa base classica ci sia una buona preparazione scientifica in grado di rendere competitivi anche sul panorama internazionale, non soltanto nazionale.

Gli attori/studenti sono stati davvero all'altezza dei personaggi che rappresentavano, immedesimandosi al punto che i ragazzi della "giuria popolare" hanno vissuto con molto pathos, intensamente il momento del dibattimento in aula e del verdetto.

 

Alla luce di quanto emerso,dunque, appare ancora più lungimirante la scelta dell'Istituto San Benedetto di rinnovare il Liceo Classico e di affiancargli un Liceo Scientifico che copra anche materie giuridico–amministrative senza diminuire, anzi aumentando le ore dedicate allo studio delle lingue straniere e alle conoscenze informatiche.

Una scuola vincente è quella in cui gli studenti crescono come persone, non quella in cui accrescono soltanto il loro bagaglio culturale. Questo all'Istituto San Benedetto è un "must", è qualcosa che si ha sempre presente quando si fanno delle scelte e quando ogni giorno si dà il via alle lezioni. Parlare con gli insegnanti e con il Dirigente scolastico potrà aiutare gli ultimi indecisi a fare la scelta giusta. Consultate il sito www.istitutosanbenedetto.net.

 Montecassino Processo Liceo Classico SaffoMontecassino Processo Liceo Classico WoolfMontecassino Processo Liceo Classico Don Luigi Montecassino Processo Liceo Classico InsegnantiMontecassino Processo Liceo Classico PreparazioneMontecassino Processo Liceo Classico Avvocati

Montecassino Processo Liceo Classico